sabato 22 novembre 2014

I piani che saltano

E' proprio vero che non è possibile pianificare il parto..il mio desiderio di un parto naturale probabilmente non si realizzerà. E così, tutto quello che avevo immaginato, pensato, verrà stravolto. Con tutta probabilità la piccola dovrà venire al mondo tramite un cesareo. Per questo, ho deciso che non presenterò alla struttura ospedaliera, il "piano del parto" al quale avevo pensato; perchè mi sono resa conto che non necessariamente quello che oggi ho in mente si realizzerà o corrisponderà a quello che realmente desidererò in quella giornata.
Comunicherò semplicemente al personale e al ginecologo che voglio che la bambina stia a contatto con me per almeno le due ore successive al cesareo e che non voglio essere sedata..spero che gli antidolorifici che mi somministreranno non mi facciano dormire perchè avremo bisogno l'una dell'altra.
L'eventualità del cesareo (che è sempre più probabile), mi rende molto nervosa..vorrei che le cose andassero diversamente ma, come al solito, devo accettare di non poter controllare quello che succede dentro il mio corpo e quello che succede alla bimba..che non vuole girarsi a testa in giù. Ho provato a spiegarle tante volte che è necessario che faccia la "capriola", senza forzarla. Ho pensato che probabilmente avrà i suoi motivi per voler stare così, a testa in su. Su internet si legge che questa condizione interessa spesso i bambini delle donne che hanno avuto precedenti aborti e che, per timore di una nuova perdita, "trattengono" i propri figli e fanno sì che rimangano seduti. Una spiegazione più razionale vuole invece che sia la conformazione dell'utero e la presenza di fibromi a non lasciare ai bambini sufficiente spazio e a spingerli a stare in posizione podalica. Per me potrebbero essere vere entrambe le teorie. Di certo, sto provando a comunicare alla bambina l'importanza della sua collaborazione..ma non posso sapere se realmente lei può fare quello che tutti noi vorremmo. In ogni caso, la mia più grande preoccupazione è quella di non riuscire fisicamente a prendermi cura di lei come vorrei, dopo il cesareo. Chissà che le cose non cambino, anche all'ultimo momento..e che sia possibile un parto naturale.

31 commenti:

  1. Ho Fatto il cesareo con epidurale, e' stato magnifico, e lei e' sempre stata con me, da quando e' uscita dalla mia pancia a quando siamo uscite dall'ospedale. Mi davano antidolorifici, immagino, ma non sono mai Stata piu' lucida e presente di cosi'. Il cesareo non e' una sconfitta, e' un altro modo di Mettere al mondo un figlio e non toglie la possibilita' di godersi l'evento e di accudire il nostro bambino. Auguri!
    Valeriascrive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che pe te sia stato possibile stare con tua figlia per tutto il tempo della degenza ospedaliera, la mia paura è che possano portarla al nido perchè io non sono capace di occuparmene. E' vero, il cesareo non è una sconfitta e siamo fortunate a vivere in questa epoca in cui esiste..in altri tempi il parto di una bimba podalica sarebbe stato sicuramente più rischioso e doloroso. Però, è anche vero che mi dispiace pensare che non sarà mia figlia a decidere quando è arrivato il momento di nascere. Noi siamo, in ogni caso, infinitamente felici e non vediamo l'ora di averla tra le nostre braccia.

      Elimina
  2. Cara Claire, sarà poco razionale quella spiegazione ma per me è stata quantomai vera. Anch'io ho sperato fino all'ultimo che si girasse, ma avevo capito che non l'avrebbe più fatto (quante volte gli avevo chiesto di non lasciarmi? )...E poi la duplice valenza di un parto naturale, che da un lato mi sarebbe servito a riscattare quell'esperienza atroce che avevo vissuto, dall'altro mi faceva paura proprio perché avrei dovuto rivivere tutto...
    l'ospedale in cui ho partorito mi organizzo' una visita per verificare se si potesse fare la manovra ostetrica di capovolgimento in utero (ci hai pensato?), ma nel mio caso non si poteva fare per com'era messo il bimbo. E cesareo fu.
    c'è chi consiglia l'agopuntura e altre tecniche non invasive legate per lo più alla medicina non tradizionale.
    ma comunque andrà. ..cerca di stare tranquilla. Il cesareo non è una passeggiata, no, sarai probabilmente sola in sala operatoria, senza marito, e avrai un po' paura. Ma sarà rapido, e quando sentirai quel pianto che sembra venire da un'altra galassia il cuore tracimera'.
    A me l'hanno messo subito vicino; gli "ospedali amici dei bimbi" fanno così anche per far partire l'allattamento (la montata lattea col cesareo potrebbe arrivare un po' più tardi, ma arriva. ..). Il bimbo si attaccò subito come una ventosa (e mi vennero le ragadi, ma è un'altra storia :) ) e da me facevano rooming in, con me h24. Di notte non fu semplice (non ci poteva stare nessuno), ma mi fecero alzare dalla sera stessa e questo mi aiutò molto a prendermi cura di lui (quando non ce la facevo chiamavo il personale di turno). Gli antidolorifici sono necessari ma non ti preoccupare non potranno darti cose molto forti (a me era paracetamolo) in vista dell'allattamento. Che altro? A casa i primi tempi sarai un po' impedita nei movimenti ma sarà bello vedere che pian piano recuperi e che in fondo potrai occuparti di lei più di come immagini ora.
    per qualsiasi cosa, visto che mi sento così vicina a te in questa esperienza, se vuoi scrivimi. (elleoceans2@gmail.com).
    A quando il lieto evento?
    Un forte abbraccio.
    elle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elle..come sempre siamo vicine, è vero. Anche io ho chiesto tante volte a mia figlia di non abbandonarmi e quanta ansia..soprattutto all'inizio, quando temevo si ripetesse la storia della gravidanza precedente. Tutt'ora, se ci penso, non riesco a trattenere le lacrime. La manovra potrei tentarla questa settimana anche se è una decisione che non è semplice perchè comporta dei rischi e il mio ginecologo lo sconsiglia. Stiamo provando con i massaggi e la moxa ma forse ormai è tardi. Se sarà cesareo credo non tarderà oltre due settimane (mi diranno la data in questi giorni).

      Elimina
  3. Cara Claire, vi leggo e imparo, ciononostante penso che il cesareo non sia una sconfitta, come dice vale.
    Non conoscevo la spiegazione che ti hanno dato sulle donne abortive, molto affascinante, mi ci ritrovo molto.
    So che se un giorno dovessi mai arrivare al nono mese di gravidanza, chiederò un cesareo perché il percorso sin qui è stato troppo pieno di incertezze e un parto naturale, per quanto controllato, ha troppe incognite, incognite che donne come te e come me non possono permettersi.
    Non conosco i dolori da cesareo, conosco quelli da salpingografia, e so che non riuscire ad alzarsi perché la tua pancia non risponde è parecchio invalidante, ma ci sarà lei ad aiutarti, e tutti i sacrifici spariranno in un attimo...
    Coraggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, è vero basterà la sua presenza a darmi forza. Tu sai che io credo fermamente che arriverai al nono mese di gravidanza; aspetto quel momento insieme a te.
      La spiegazione meno razionale sul perché certi bimbi non vogliono saperne di mettersi a testa in giù, è affascinante e diventa credibile se pensi che secondo degli studi effettuati quando la madre comunica "telepaticamente" con il bambino, il battito del cuore di quest'ultimo rallenta. Sembrerebbe quindi che i piccoli siano in grado di percepire tutti i nostri pensieri, anche se non comunichiamo con loro a voce.
      Per quanto riguarda il cesareo, in realtà presenta molte più incognite di un parto naturale (così almeno dicono tutti i medici)..ma quando è necessario non si può fare altrimenti. Ti abbraccio

      Elimina
    2. oh beh, io spero che un cesareo programmato, per quanto possa essere un intervento chirurgico, non comporti oggi incognite che non si possono controllare! Comprendo che non c'è nulla di naturale nel cesareo e per una donna è straniante, ma davvero Claire, credo sia poca cosa dopo quello che hai passato...Sono sicura che andrà tutto bene e tu e lei vi riconoscerete immediatamente...

      bella la storia del battito che rallenta mentre la mamma parla al bimbo..sai sempre tante cose che non so e che mi piacciono..

      Elimina
  4. Ciao cara, io non me ne intendo, però anche nel libro che sto leggendo dice questa cosa delle mamme che hanno avuto degli aborti che invitano i bambini a "non lasciarle" e quindi loro rimangono seduti! Secondo me sarà bellissimo lo stesso,anche se farai il cesareo. Sono sicura che dopo riuscirai ad essere presente con lei e a darle tutto quello di cui avrà bisogno! Facci sapere!!!!

    RispondiElimina
  5. Oh che emozione quella spiegazione del cuore sul perche' le mamme trattengano i figli...
    Comunque sia, alla fine non conta come esce...anzi guarda', conosco mamme che sono affezionate al cesareo e lo rifanno anche al secondo giro, soprattutto se al primo giro hanno provato i dolori del travaglio (pensa che beffa, farsi il travaglio e poi dover cmq fare il cesareo...no no, cesareo subito e via!). E comunque ce l'hanno fatta ad allattare, vedrai che ce la farei anche tu!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è anche chi consiglia di aspettare il travaglio e solo in quel momento, eventualmente, se ancora fosse necessario, fare il cesareo (rinunciando a programmarlo). Tuttavia, come diceva Anna, non credo di essere nelle condizioni di potermi permettere un lusso del genere..così si ci sarebbero troppe incognite.

      Elimina
  6. Quando mia sorella aspettava la prima figlia, siccome non ne voleva sapere di rigirarsi, rifacendomi al racconto della vicina di casa di mia madre, le ho fatto fare un giro in motorino sulle strade più dissestate di Roma... e guardacaso la bambina si è girata! :) Però poi ha dovuto fare un cesareo lo stesso perché si era messa con un braccio sopra la testa, oltre a tardare l'uscita di due settimane.
    Non ricordo se ho ripetuto lo stesso trucchetto anche per il mio secondo nipote... però altro cesareo perché erano passati 23 mesi dal primo. Non ricordo che mia sorella fosse particolarmente impedita dopo, quindi... sta' serena e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, ci vorrebbe un bello spavento per farla girare :) Per ora ho notato che quando si spaventa le viene il singhiozzo..ma sempre a testa in su! Certo, tua sorella è stata un po' sfortunata..accidenti!

      Elimina
  7. quante settimane sei? La mia si è girata a 34, facendo delle posizioni yoga e poi anche io le parlavo. Comunque sarà quel che sarà e andrà benissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai stiamo per entrare nella 38..anche io ho fatto degli esercizi..però le speranze che cambi posizione adesso sono veramente poche.

      Elimina
  8. Io ho fatto il parto naturale, ma le gambe non mi hanno retto per più di 12 ore e mi sono seduta con la ciambella per una settimana. ;-) Benedetto il cesareo quando non si può fare altrimenti. Il parto è un momento importante, ma è un momento. La parte importante viene dopo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, forse anche perché la mia piccola è stata concepita grazie all'aiuto dei medici, avrei voluto che almeno la sua nascita fosse naturale..tuttavia, è bello quello che scrivi, la parte importante viene dopo :)

      Elimina
  9. Ho impressa nella mia mente l'immagine di te che parli con la piccola, che le spieghi quello che sarebbe bene per entrambe. La dolcezza è arrivata fino a qui, immagino quanto possa sentirla lei, che è dentro di te.
    Mi verrebbe da dire che non è così importante il come, ma invece no, capisco il tuo desiderio ed è assolutamente lecito. Continuo a sperare che tu possa dare alla luce tua figlia con parto naturale. Quello sarà solo il punto di partenza!!
    Vi abbraccio entrambe con affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provo a chiederle di mettersi a testa in giù ma è importante rispettare la sua decisione..deve sapere che, in ogni caso, sarà accolta con tanto amore. Il parto naturale sarebbe bello per tanti motivi e ancora ci spero, potrebbe accadere che tutto cambi anche all'ultimo momento! Ricambio il tuo abbraccio e il tuo affetto Eva.

      Elimina
  10. carissima non ti preoccupare, se anche dovessi fare il cesareo sarai capacissima di prenderti cura di lei. dopo il cesareo i tuoi movimenti sono limitati, ma riuscirai a tenerla in braccio come e quando vuoi e anche ad allattarla, a parlarle, a sbaciucchiarla, ad odorarla ed adorarla tutto il tempo che vuoi. che emozione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento! Sai, ne sento di tutti i colori, ma si sa che ognuno ha la sua percezione del dolore.Comunque, credo che l'amore per il bambino che nasce faccia superare ad ogni mamma qualunque dolore e basti a darle la forza per accudirlo e coccolarlo.L'emozione ormai è fortissima!

      Elimina
  11. Risposte
    1. In attesa di sapere se c'è qualche speranza per il parto naturale o se dovrò fare cesareo..ormai ci siamo quasi :)

      Elimina
  12. Come va? Ormai sarà nata!!!!!Facci sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, cara, è nata e mentre scrivo la stringo tra le braccia :)

      Elimina
  13. Risposte
    1. Grazie del pensiero e un bacio a te

      Elimina
  14. Claire avrei voluto scriverti, ma non sono riuscita a trovare il tempo (a breve lo scoprirai!)... però ti penso tanto e ogni giorno mi chiedo: 'sarà nato?'. Spero tutto bene, qui ti aspettiamo, anzi Vi *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il tempo manca, è vero. Ma ogni minuto passato con loro ti regala infinita gioia..

      Elimina
  15. Auguri! Benvenuta piccolina raggio di sole.

    RispondiElimina