domenica 18 novembre 2012

La promessa

http://pinterest.com/pin/13299761369852600/
In questi giorni densi di blog-avvenimenti, nella vita reale sono stata impegnata a preparare degli esami..per cercare di raggiungere l'obiettivo di cambiare lavoro. I prossimi mesi saranno dedicati soprattutto a questo. 
Intanto, la mia voglia di cambiamento..ha prodotto l'assegnazione di un nuovo incarico sul posto di lavoro attuale. Ebbene si, sono stata promossa..ma questo non mi distoglie dall'idea di andare via (tiè).
Sul piano adozione, si va avanti.Questa sarà la settimana dei prelievi del sangue e poi, spero prima della fine dell'anno, faremo la visita psichiatrica (questa ancora ci mancava!). 
A quel punto, avremo tutti i documenti da presentare in Tribunale..ma ancora non avremo maturato i tre anni di matrimonio..fino alla prossima primavera.
A metà Dicembre, tra un colloquio di qua e uno di là..dovremo anche prendere un aereo e arrivare fino a Cava dei Tirreni, per un consulto con il famoso "mago" della PMA che arriva da Bruxelles. Quello sarà ufficialmente il momento in cui riapriremo le danze. Intanto però, abbiamo in programma il nostro prossimo tentativo di fivet,a Gennaio, nel vecchio centro. Diciamo che il "mago" è una chance che ci riserviamo nel caso in cui la buona sorte non ci dovesse toccare neanche la prossima volta.
Nel blog-mondo, tante amiche custodiscono un bellissimo dono (Anna, Frida, Nina). La cosa mi riempie di gioia per loro e, devo ammetterlo, anche di speranza per noi. Nel profondo io so che il nostro bimbo arriverà. Ancora non so se lo farà per la via della pancia o del cuore (dell'anima), ma so che arriverà.
Tuttavia, non voglio che la nostra vita si blocchi fino a quel momento. Se dovessi sbagliarmi, se anche lui  non dovesse arrivare..noi siamo comunque una famiglia.Siamo e dobbiamo essere felici a prescindere da questo evento.
Ecco perchè ai primi di dicembre, realizzerò un altro piccolo progetto che ha un  grande valore sul piano simbolico: l'albero di Natale.
Quando mia madre era in vita, decoravamo insieme l'albero..era una cosa che adoravo, un rito bellissimo.Dopo la sua morte promisi a me stessa che non avrei più fatto l'albero di Natale fino a che non avessi avuto un figlio.Sono passati dieci anni..e un grosso rimpianto è quello di non averlo fatto neanche a Dicembre di due anni fa, quando ero incinta della piccola. 
Credo che sia arrivato il momento di rompere quella promessa con me stessa. Per cui, quest'anno avremo il nostro albero e credo che mia madre ne sarà molto felice.

11 commenti:

  1. sono con le lacrime agli occhi...la promessa che ti sei fatta era una rinuncia d'amore bellissima e decidere di romperla lo è ancora di più. Non hai idea di quanto io pensi spesso a te claire (forse perchè non lo esprimo come dovrei?) e sappi che anche io ho sempre pensato che prima o poi arriverà il nostro di bambino, che sarà stavolta o no, o per un'altra via. Questa sola consapevolezza mi ha sempre aiutato a superare queste fatiche, e so con certezza, che anche questa tua consapevolezza sarà il tuo ariete per sfondare le porte della paura e del dolore.
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Lucy!
    Anna: le lacrime agli occhi sono venute anche a me!Ma tu devi solo sorridere ora, ok? Il vostro bimbo..o bimba, è arrivato e sapere che state finalmente realizzando il vostro sogno mi riempie di felicità e tenerezza. Credo che la mia consapevolezza si stia facendo strada lentamente e sempre lentamente stia superando il dolore.

    RispondiElimina
  3. Ho i brividi. Rompere la promessa è un atto di amore, anche per la tua mamma che ti guarda da lassù. Ho proprio i brividi. Queste stupende notizie di Anna, Frida e Nina ci stanno scaldando il cuore, e indirettamente la pancia. Ti ho pensato spesso in questi giorni, Claire, perché so esattamente come stai, come ti senti. E anche io ricomincio a provare quel pizzico di speranza, che ti fa dire, forse. Sì, forse. Io ricomincio a crederci nel nostro sogno. Non so quando e se ci riproverò, ma intanto mi sento così: luminosa. Dentro.
    A noi resta solo la strada della pma, come sai, e quella del miracolo, chissà.
    Ti abbraccio, amica mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che anche tu stia sentendo la voglia di riprovarci ma, soprattutto che stia rincominciando a credere che il miracolo possa avvenire.Cara, io ti vedo esattamente come ti senti: luminosa dentro.

      Elimina
  4. Ho pensato a come mia madre affrontiamo il Natale. Con il cuore di due duenni. Ho pensato a cosa farei senza di lei e al dolore. Io credo che guardandoti, dal posto in cui si trova, sarà felice di vedere che hai ancora voglia di stupirti, di aprirti alle cose belle della vita. Non può che farti bene, vivere il calore di una festa del genere. E quando il bambino arriverà, che sia attraverso al pancia o attraverso altre starde, sarai lì a raccontargli quello che oggi hai raccontato a noi. Ed insieme gli trasmetterai il bello che c'è in te.
    Ho sentito molto parlare del luminare di Bruxells. Conosco una coppia che ha avuto una bambina ( terzo tentativo con lui). So anche che collabora con un centro a Malaga.
    Le porte aperte sono tutte possibilità.
    E' sinonimo di intelligenza e grande cuore aprire finestre sul futuro.
    Sei una persona speciale.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono dieci anni che mia madre ha lasciato questa terra ma continua ad accompagnarmi, giorno per giorno. Ci incontriamo nei sogni, ogni notte, la sento vicino a me ed è sempre nei miei pensieri. Se avremo dei figli avrò tante cose da raccontare di lei, speravo di poter inziare a farlo un pò prima..ma sarà quando sarà.
      Spero che la tua amica non abbia dovuto fare 3 tentativi a Bruxelles..le nostre finanze non reggerebbero :)
      Grazie per le tue parole

      Elimina
  5. hai scritto delle cose verissime..siete comunque una famiglia, una bella famiglia direi e dovete fare tutto il possibile per essere felici al di là della mancanza che portiamo nel cuore..il resto arriverà ne sono sicura e la tua mamma da lassù di terrà per mano qualsiasi saranno le scelte che farai..come se fare o non fare l'albero, in funzione di come queste maturerranno dentro al tuo cuore..
    un abbraccio forte forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che quest'albero dovrebbe segnare la fine di un periodo difficile e, spero, un nuovo inizio. Grazie per essere passata di qua.

      Elimina
  6. Sono senza parole...solo commozione,un post bellissimo. ti abbraccio forte

    RispondiElimina