giovedì 15 agosto 2013

Istantanee

Tra pochi giorni, probabilmente, proveremo ancora a cercare un figlio con l'aiuto (?) della scienza.
Mi sento sospesa, spaventata, ancora divisa tra il desiderio di mettere la testa sotto un cuscino, dimenticando che è arrivato il momento di provarci ancora e l'impazienza di iniziare prima possibile. Le prime volte, prevaleva l'impazienza. Adesso prevale la paura. Questo sarà un tentativo che faremo perchè Sam ancora ci crede. 
Io avrei già percorso altre strade.Avrei già detto Basta con la B maiuscola.
Se potessi scegliere, percorrerei senza riserve la strada dell'adozione. Ma, realisticamente, per questioni economiche, è improbabile che potremmo ottenere l'idoneità o pensare di poter affrontare i costi di un'adozione internazionale (quella che ci offrirebbe maggiori chance). Per questo, nonostante ormai tutti i documenti siano pronti, la nostra domanda ancora non è stata depositata in tribunale. 
E poi c'è anche un altra condizione che allontana da noi il percorso adottivo. Una condizione forse meno problematica, rispetto a quella economica, perchè più facilmente superabile, ma ugualmente importante.
Sam ancora spera di poter avere un figlio biologico.
E così, piuttosto che presentare una domanda in Tribunale non essendo entrambi convinti al 100% della scelta adozione e sapendo che probabilmente avremmo poche probabilità di poter concludere il percorso positivamente, affronteremo un altro tentativo di PMA. Sempre che riesca a tenere fede ai miei propositi e non mandi tutto all'aria all'ultimo momento.
Fortunatamente, abbiamo passato una vacanza fantastica che mi ha regalato un bel pò di energie. Tanto sole e un mare cristallino. Dopo tanto tempo, ho provato una forte sensazione di libertà, forse perchè abbiamo trascorso le giornate nei luoghi della mia infanzia e adolescenza. Quegli spazi mi riportavano alla mente tante emozioni positive. Allora era tutto così serenamente semplice.
Ho rivisto e sentito persone alle quali voglio bene. Parlare con loro, guardarle negli occhi e ammirare i loro bimbi, mi ha fatto bene all'anima. Ed è stato come se fosse passato un giorno (e non un anno), dall'ultima volta che ci eravamo visti.
Sono riuscita a gestire bene anche i rapporti più complicati con la mia famiglia, riuscendo a vivere con maggiore leggerenza (rispetto al mio solito) ed evitando anche quelle piccole tensioni che a volte possono rovinare le giornate e lasciarti tanta amarezza dentro.
Mi sono resa conto che devo volermi più bene, che sono capace di fare tante cose..compreso mettere a tavola tante persone organizzando tutto al meglio in poco tempo (Grazie mamma!).
Ho pensato tanto a quante cose le persone lasciano dietro di sè. Alcune incosapevolmente. Altre volontariamente. Mia madre è sempre nei miei pensieri. Mentre nuotavo nel Paradiso, mi sono resa conto che sono passati 10 anni da quando se n'è andata. Dieci anni. Passati così, senza di lei. E altri ne dovranno passare ancora. 
Ci sono parole che non avevo più sentito pronunciare da quando lei se n'è andata. In quei luoghi ho sorriso ascoltando parlare alcune donne e riconoscendo la mia famiglia nella loro. Espressioni familiari che mi tornavano alla mente. Il suono dolce della sua voce. I nostri abbracci e un'altra me stessa che danzava per farla sorridere. L'acqua fresca che faceva scorrere sui suoi piedi d'estate, pensieri che attraversavano i suoi occhi e io ancora non capivo niente, presa com'ero dalla mia vita. 
Ricordo chiaramente una sera in cui le dissi che, in fondo, si poteva continuare a vivere facendo a meno di qualunque persona. Da poco avevo avuto una discussione con un familiare a noi molto vicino. Non molti giorni dopo lei se ne sarebbe andata. Per sempre. E non potevo nemmeno minimamente immaginare cosa avrebbe significato per me fare a meno di lei nella mia vita. Ho vissuto sulla mia pelle e continuo a vivere il doloroso peso di quelle parole.


12 commenti:

  1. Ho letto un' altra Claire..serena.Notte e forza.

    RispondiElimina
  2. Coraggiosa e forte.
    Leggo di tua madre e mi emoziono.
    Leggo dei vostri progetti e spero insieme a voi.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte nelle coppie c'è una parte che trascina e una che si lascia trascinare. Io e Sam ci siamo spesso invertiti in questi ruoli. In questo momento io mi lascio trascinare..anche se non so quanto lui sia consapevole di questo.

      Elimina
  3. come comprendo ogni tua parola...
    le nostre storie si assomigliano, anche i problemi nell'adozione..


    è in questi momenti che mancano, mancano tanto...ti capisco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Anna, è proprio così. Tante cose ci accomunano. Per questo mi ritrovo spesso nelle tue parole.

      Elimina
  4. Carissima, immagino il tuo silenzioso dolore per un'assenza che è presenza. Sono convinta che sia in te e con te, sempre. Tifo per questa nuova possibilità e incrocio le dita. Ti abbraccio.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continua a tifare, Raffaella..ne abbiamo bisogno :)

      Elimina
  5. Ogni volta che scrivi di tua mamma il magone sale. Perché in questi giorni è sempre presente, lì nello stomaco, come un peso che ogni volta ricaccio giù. Anche adesso che ho raggiunto il mio sogno, soprattutto adesso, la sua assenza è insostenibile. Sento dentro ogni tua parola. Per me sono 6 anni.
    In bocca al lupo, con tutto il mio cuore

    RispondiElimina
  6. Nina..cara,ti capisco, anche nei momenti belli si sente la loro mancanza,perchè avresti voluto condiverli con loro. E poi, secondo me, è proprio quando si diventa mamme che si ha più bisogno della propria mamma, del suo sostegno, dei suoi consigli. Tesoro..ti abbraccio forte forte, avrei voluto che lei fosse lì con te. Vi auguro ogni bene

    RispondiElimina